La ricerca “disinteressata” della filosofia

La ricerca “disinteressata” della filosofia

La filosofia significa letteralmente “amore per la sapienza” eppure questo sapere mostra una stranezza di fondo, è un sapere che si fonda sulla ricerca disinteressata. Non ha per oggetto principale un guadagno materiale o un fine spirituale ma è principalmente, un’indagine volta a capire il mondo della natura e dell’uomo.

Spesso si ha un’immagine buffa dei filosofi tramandata dalla tradizione, è celebre l’aneddoto della servetta tracia che ride di Talete che a furia di guardare all’insù per studiare le stelle, cade in un pozzo. Di aneddoti simili sui filosofi ce ne sono molti, in realtà l’indagine filosofica è tutt’altro che inutile o astratta, perché ci aiuta a stimolare il pensiero critico in relazione all’osservazione dei fenomeni.

Ma qual’è il dato iniziale, l’incipit del filosofo? Tutto parte da un interesse, da una passione personale. Dall’interpretazione personale dei fenomeni nasceranno diverse prospettive, diverse filosofie egualmente valide perché rappresentano le diverse espressioni della complessità dell’uomo e della realtà.

Certo ogni filosofia dovrà confrontarsi necessariamente con le altre filosofie e questo insieme, ci consentirà di costruire un puzzle che rappresenti l’immensa complessità dell’uomo e del suo sapere.

Solo tuffandoci in acqua e prendendo confidenza con essa, possiamo imparare a nuotare: solo praticandola quindi, riusciremo a dare una definizione della filosofia.

10+
3 Comments
  • Avatar
    Classe quinta Primaria
    Rispondi
    - Novembre 23, 2020

    SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA
    Noi pensiamo che la filosofia si basi sul pensiero e che sia importante. Infatti, può rispondere a domande che riguardano la vita, l’uomo e la natura. Da una nostra discussione è emerso che noi ci poniamo molti interrogativi, tra cui: “Perchè siamo nati? Quando muoio dove vado? Siamo reali o no? ( sensazione di estraneità), Quando non ero nel grembo di mia madre, dov’ero? Che cosa saremo dopo la morte? Perchè dobbiamo crescere?”.
    Infine, ci siamo detti che per poter sviluppare la nostra filosofia e, quindi soddisfare le nostre curiosità, abbiamo bisogno di tempo.

    6+
  • Avatar
    Thomas
    Rispondi
    - Novembre 26, 2020

    Sicuramente è tipico di tutti gli uomini, di ogni epoca e nazione, farsi delle domande sulla nostra origine e sul nostro futuro.
    Fin da piccoli ci poniamo queste domande. Anzi, più da piccoli che da grandi. Da bambini, infatti, siamo molto curiosi di tutto.
    L’articolo è molto interessante perché è giusto cercare delle risposte a temi così importanti. Io ne ho trovate molte nella Bibbia.

    0

Post a Comment

Comment
Nome
Email
Nome Scuola o Ruolo